Lo Scutum Romano

Scutum romano è il termine latino dello scudo imperiale romano, di forma semi-cilindrica che era in dotazione per i legionari romani. Il rivestimento centrale dello scudo (chiamato umbo) era costruito da un misto di rame e ferro. Si utilizzava in forma offensiva, essendo sufficientemente pesante e robusto per spingere un opponente, il quale facilitava l’attacco del legionario con la sua gladius. I legionari di solito avanzavano in forma alterna con lo scudo per poi attaccare con la gladius alzando leggermente lo scudo. I bordi dello scudo si rivestivano in metallo per fornire più protezione, potendo usare lo scudo anche per attacchi.

SCUTUM ROMANO 306x450 - Lo Scutum Romano

La forma dello scudo permetteva di comporre la famosa testuggine. Per mezzo di questo sistema, si disponevano gli scudi in modo da fornire più protezione contro le armi da lancio. La testuggine consisteva nel disporre gli scudi frontalmente e superiormente, apportando protezione anche dai colpi scoccati in forma parabolica o dall’alto (come per esempio, le frecce o oggetti lanciati dall’alto delle mura dagli opponenti).

LEGIONARIOS ROMANOS EN POSICIÓN CON SCUTUM 450x262 - Lo Scutum Romano

Le dimensioni “standard” dello scutum vanno dalla spalla del legionario fino alla parte superiore del ginocchio. Questa misura è efficiente e molto ben adattata al modo di combattere della legione romana, apportando non solo una copertura formidabile ma anche ideale per coprire il corpo del compagno di fila in una formazione a testuggine, molto usata dai romani.

LEGIONARIO ROMANO 250x450 - Lo Scutum Romano

VEDI SCUTUM ROMANO

VEDI ELMI ROMANI

VEDI LORICA SEGMENTATA

VEDI DAGHE ROMANE

VEDI SPADE ROMANE

VEDI PILUM ROMANO

VEDI CINTURE DI ROMANS

VEDI BRACCIALI DI ROMANS

VEDI SANDALI ROMANI

VEDI STENDARDI ROMANI

VEDI CUSCINI ROMANI

Spada di Merlino

Nome che significa FALCO. Nato dalla meravigliosa Dama del Lago, il grande druido Hafgan, dalla quale Merlino apprese tutta la sua magia, disse che era nato Il Gran Signore della Luce. Apprese le doti del gran guerriero da suo nonno difensore instancabile dell’impero. Si convertì in Merlino il guerriero, druido e fedele consigliere di Uther, supremo monarca della Bretagna.

ESPADA MAGO MERLIN 398x450 - Spada di Merlino

Alla morte di Uther senza avere un erede legittimo, Merlino seppellì la sua spada di Excalibur e gridò al popolo:

“la persona che riesca ad estrarre la spada dalla roccia sarà l’autentico Re di tutta l’Inghilterra”

Merlino si incaricò dunque dell’educazione di Artù, figlio illegittimo di Uther, insegnandogli utte le arti necessarie per essere un buon monarca, e nascondendolo fino al momento dell’estrazione della spada Excalibur dalla roccia e di convertirsi Re d’Inghilterra.

Poignard Merlin - Spada di Merlino

Quando in tutta la Bretagna regnò la  concordia e la pace, Merlino si ritirò nella sua dimora.

“Puoi già regnare senza i miei consigli, continua essendo un Re giusto e nel futuro si parlerà di te”

Merlino fu un mago gallo che visse, presuntamente, nel secolo VI, e si tratta di una delle fugure più importanti del ciclo arturico. Un’altra ipotesi è che, Merlino non si riferisce a una persona ma ad un titolo, come se fosse il titolo di druido. È il mago più famoso della storia europea, e ispiratore di molti maghi della letteratura universale.

ESPADA MERLIN 434x450 - Spada di Merlino

Secondo lo specialista bretone Jean Markale, Merlino è una figura sfaccettata che personifica diversi prototipi del mondo mitico celtico; come il druido, il bardo, l’uomo selvaggio, lo sciamano e il profeta.

VEDI SPADE DEL MAGO MERLINO

VEDI DAGGER DI MERLINO

VEDI ALTRE SPADE FANTASTICHE

Spada Claymore

La spada Claymore è una spada che poteva essere usata impiegando le due mani, affilata nei due lati della lama, con un’impugnatura lunga (almeno un quarto del totale dell’arma), che permetteva al guerriero di usarla senza dover sforzarsi per colpire, ne di afferrarla nella base della lama. Questa arma a doppiamano si caratterizzava, oltre agli altri dettagli, per la sua guarnizione avanzata sulla lama, costituita da due bracci simmetrici, rifiniti con volute ornamentali che formano un vertice triangolare, creando una potente controguardia che rendevano possibile a quelli che non possedevano uno scudo e a quelli che la usavano in battaglia di realizzare azioni di detenzione dell’arma dell’avversario.

Espada Claymore de William Wallace 450x446 - Spada Claymore

La spada Claymore fu utilizzata e studiata per gli Highlander scozzesi, partendo dai modelli di spade meno lunghi, alla quale si apportavano modifiche per renderle a doppiamano e finendo per equipaggiarle come già detto in ottime armi di bloccaggio. Nel secolo XIII queste spade erano usate dagli scozzesi e in particolare nella lotta contro gli inglesi. Le Claymore superavano con facilità i quattro piedi di lunghezza (metro e 23 centimetri) e pesavano più di un chilo e mezzo.

ESPADA CLAYMORE FUNCIONAL 439x450 - Spada Claymore

Non dobbiamo confondere la spada Claymore con la spade che il famoso William Wallace usava in battaglia, visto che in questo caso si trattava di un tipo di spada diversa dalla Claymore, più leggera, essendo quella dell’eroe, ma in realtà, una gran spada da battaglia arrivava ai 167 centimetri, visto che queste armi a doppiamano in stile germanico di solito avevano le stesse dimensioni della statura del loro proprietario.

602 1551 - Spada Claymore

VEDERE SPADE CLAYMORE

VEDERE SPADE SCOZZESI

VEDERE ALTRE SPADE