Il Pilum Romano

Il pilum e la gladius erano le armi basiche del soldato legionario romano. Consisteva in un’asta di legno unita da attacchi ad una punta metallica. Di solito misura due metri di lunghezza e pesa 900 grammi. Alcuni sostengono (erroneamente) che il pilum era fatto per poi piegare la barra metallica.

pilum - Il Pilum Romano

La punta del pilum era piccola, fina e di forma piramidale, e la stategia usata era quella di lanciarlo a più o meno 15 metri di distanza per perforare facilmente lo scudo di legno e raggiungere il corpo del nemicoche si proteggeva dietro lo scudo. Il legionario romano, dopo aver iniziato il suo attacco con il pilum romano lo terminava con il gladio (spada romana) o con il pungio (pugnale romano) per un combattimento corpo a corpo. Lo facevano in forma organizzata e coordinata gruppi di legionari, facendo cadere una pioggia di pilum, causando vari morti prima di attaccare in un combattimento corpo a corpo.

Imagen 1 - Il Pilum Romano

Il pilum era studiato per essere lanciato con la mano a corta distanza, appena prima del combattimento corpo a corpo. Per questo si chiama lancia o arma da lancio. Più tardi si aggiunse un peso a forma di palla metallica per aumentare la capacità di penetrazione.

VEDI PILUM ROMANI

VEDI ELMI ROMANI

VEDI SCUDI ROMANI

VEDI LORICA SEGMENTATA

VEDI SPADE ROMANE

VEDI STANDARDI ROMANI

VEDI CINTURE DI ROMANI

VEDI BRACCIALI ROMANI

Lo Scutum Romano

Scutum romano è il termine latino dello scudo imperiale romano, di forma semi-cilindrica che era in dotazione per i legionari romani. Il rivestimento centrale dello scudo (chiamato umbo) era costruito da un misto di rame e ferro. Si utilizzava in forma offensiva, essendo sufficientemente pesante e robusto per spingere un opponente, il quale facilitava l’attacco del legionario con la sua gladius. I legionari di solito avanzavano in forma alterna con lo scudo per poi attaccare con la gladius alzando leggermente lo scudo. I bordi dello scudo si rivestivano in metallo per fornire più protezione, potendo usare lo scudo anche per attacchi.

SCUTUM ROMANO 306x450 - Lo Scutum Romano

La forma dello scudo permetteva di comporre la famosa testuggine. Per mezzo di questo sistema, si disponevano gli scudi in modo da fornire più protezione contro le armi da lancio. La testuggine consisteva nel disporre gli scudi frontalmente e superiormente, apportando protezione anche dai colpi scoccati in forma parabolica o dall’alto (come per esempio, le frecce o oggetti lanciati dall’alto delle mura dagli opponenti).

LEGIONARIOS ROMANOS EN POSICIÓN CON SCUTUM 450x262 - Lo Scutum Romano

Le dimensioni “standard” dello scutum vanno dalla spalla del legionario fino alla parte superiore del ginocchio. Questa misura è efficiente e molto ben adattata al modo di combattere della legione romana, apportando non solo una copertura formidabile ma anche ideale per coprire il corpo del compagno di fila in una formazione a testuggine, molto usata dai romani.

LEGIONARIO ROMANO 250x450 - Lo Scutum Romano

VEDI SCUTUM ROMANO

VEDI ELMI ROMANI

VEDI LORICA SEGMENTATA

VEDI DAGHE ROMANE

VEDI SPADE ROMANE

VEDI PILUM ROMANO

VEDI CINTURE DI ROMANS

VEDI BRACCIALI DI ROMANS

VEDI SANDALI ROMANI

VEDI STENDARDI ROMANI

VEDI CUSCINI ROMANI

Le Crociate e i Templari

I Cavalieri Templari e l’Ordine dei Poveri Cavalieri di Cristo fu una delle organizzazioni militari cristiane più famose della storia. Fu fondata nel 1119 dopo la prima crociata da nove cavalieri francesi, sotto il comando di Hugo de Payens.

Anillo Caballeros Templarios - Le Crociate e i Templari

Il loro obbiettivo era quello di proteggere la vita dei pellegrini che viaggiavano verso Gerusalemme. Si era organizzata una crociata per riconquistare Gerusalemme dai mussulmani. La crociata fu un successo e i pellegrini iniziarono a viaggiare fino a Gerusalemme per poter pregare davanti al sepolcro di Cristo. Siccome il viaggio dall’Europa era lungo, la maggiorparte dei pellegrini viaggiavano con i suoi beni, o almeno con una grande quantità di denaro, costituendo una preda molto facile per gli assaltatori e i banditi.

23 - Le Crociate e i Templari

Il Patriarca Latino di Gerusalemme, vedendo la neccessità di contare con un’ordine militare che proteggesse i pellegrini nel loro cammino fino alla Terra Santa, assegnò questa missione ai Templari e grazie al loro lavoro e alla lealtà dimostrata ottennero il riconoscimento di guardiani del Santo Sepolcro (non avevano nessun interesse di guadagnare potere o entrare in conflitto). Posteriormente il Papa Onorio II riconobbe quest’Ordine nel Concilio di Troyes.

llaveros - Le Crociate e i Templari

Nell’organizzazione templare c’erano diverse classi, i cavalieri erano eletti dalla nobiltà, e potevano portare il mantello bianco con la croce rossa. Contavano anche con scudieri e sergenti che aiutavano i cavalieri templari nelle loro missioni. Si reclutavano anche sacerdoti per offrire la Santa Messa ed artigiani per il corretto funzionamento dell’Ordine, anche se questi ultimi non potevano condividere lo stesso tetto dei membri dell’Ordine.

Nella stessa forma, permettevano che alcuni cavalieri o scudieri combattessero sotto l’insegna dei Templari, senza dare i voti, firmavano un accordo di un periodo limitato nel quale potevano far parte dell’Ordine dei Cavalieri Templari.

Pisapapeles sello templario 450x228 - Le Crociate e i Templari

Nella scala gerarchica dei templari c’erano tre ranghi fondamentali:

Il Gran Maestro, che era l’equivalente del Capo di Stato attuale, non si poteva fare niente senza la sua autorizzazione, sia abbandorare la città o intavolare una battaglia, era il massimo responsabile dell’Ordine.

Il Siniscalco, incaricato di sostituire il Gran Maestro se questo non poteva esercere le sue funzioni e che si incaricava del ramo militare.

Il Drappiere, che si incaricava degli abiti dei fratelli, che fossero adeguati e in perfetto stato, come assicurarsi che i cavalieri avessero i capelli corti.

YELMO FUNCIONAL TEMPLARIO 227x300 - Le Crociate e i Templari

Anche se era un’Ordine che compieva un voto di povertà (di fatti i cavalieri viaggiavano a coppie condividendo lo stesso cavallo per risparmiare) la rama non militare dell’Ordine creò una struttura finanziaria precedente alla banca moderna, permettendo ai viaggiatori di ritirare soldi presentando il documento giustificante del deposito. Questo era un gran vantaggio per i viaggi lunghi, visto che non dovevano viaggiare con soldi, evitando il rischio di perdere il loro denaro nel viaggio.

Cáliz Caballeros Templarios2 - Le Crociate e i Templari

L’esistenza dei Templari è legata alla Crociate, essendo questa l’origine del suo potere e alla pardita del deminio della Terra Santa. Iniziarono a perdere gli appoggi e insieme al comporamento del Re Filippo IV di Francia, che avendo un debito molto grande con i Cavalieri Templari spinse il Papa Clemente V ad espellerli dalla chiesa.

Brazaletes templarios en cuero negro con la Cruz de Malta en rojo - Le Crociate e i Templari

Molti templari furono arrestati, visto che il Re mandò dei messaggi per tutto il regno impartendo tali istruzioni, il giorno 13 Ottobre del 1307. Il messaggio diceva che si dovevano arrestare tutti i templari e prendere possesso di tutti i loro beni per delitti di sacrilegio, sodomia e adorazione di idoli.

Molti di loro furono tortorati e bruciati, e questa brusca sparizione causò l’origine della leggenda che dura fino ai giorni nostri.

Espada de los Templarios en Oro 300x204 - Le Crociate e i Templari

Tra di esse che erano stati perseguiti per scoprire segreti considerati scomodi dalla chiesa o per aver trovato l’Arca dell’Alleanza o il Sacro Gral.

Spada Gran Maestro del Tempio - Le Crociate e i Templari

VEDI VARI ARTICOLI TEMPLARI

VEDI SPADE TEMPLARI